Sinossi

Il film è nato da un laboratorio di cinema diretto dal regista nella Sezione Femminile di un carcere italiano. Non racconta direttamente questa esperienza, ma ne è il risultato. Un risultato che ci mette in contatto non solo con le condizioni concrete del vivere in prigionia delle detenute (peraltro spesso raccontate) ma con il recupero di una immaginazione forse perduta nei meandri di una tragica e stordente esperienza. Il nostro sguardo con quello del regista, non è quindi esterno, ma prevalentemente interno. In ragione di ciò quello a cui assistiamo non è solo quanto espresso narrativamente, ma è anche un percorso rieducativo, nel senso che mostra il cammino di chi dopo aver superato certi confini, fa un percorso a ritroso che non può non essere che profondo e che il recupero di una immaginazione creativa rende forse compiutamente possibile. Fino, dopo aver attraversato  meandri e ambiguità della finzione, a guardare a viso aperto la realtà, quella che dolorosamente pesa su quelle detenute, non poche, che nascondono o non hanno il coraggio o la forza di dire ai figli di essere in prigione.

Curriculum del REGISTA

Eugenio Melloni è nato in provincia di Bologna. Ha un diploma in regia teatrale e ha collaborato a vario titolo con progetti teatrali e cinematografici. Per conto della Cineteca di Bologna, in collaborazione con l’ASP Città di Bologna, coordina il progetto di ricerca sperimentale “Il memofilm, a memoria di uomo” sull’uso del cinema nei confronti di malati di demenza, avviato nel 2007 con la collaborazione di Giuseppe Bertolucci. E’ autore del soggetto con Maurizio Carrassi e co-sceneggiatore dei film L’Accertamento, regia Lucio Lunerti (1999) 90’. E’ autore del soggetto e co-sceneggiatore con Stefano Incerti di Prima del Tramonto (1999) 95’, regia di Stefano Incerti, Cecchi Gori Group; E’ co-sceneggiatore del film La vita come viene (2003) 118’, regia Stefano Incerti, Cecchi Gori Group e di  Complici del Silenzio (2009) 100’, regia di Stefano Incerti; E’ autore del soggetto e co-sceneggiatore de Il Volo (2010) 32’ regia di Wim Wenders, mediometraggio in 3D. 700 anni per vedere il mare (2011) 53’, regia di Eugenio Melloni, documentario. Sezione Femminile (2018) 82’, soggetto, sceneggiatura e regia

 

CREDITS

Regia

Eugenio Melloni

Soggetto e sceneggiatura

Eugenio Melloni

Sulla base dell’esperienza e del materiale prodotto in seno al Laboratorio Cinema nella Sezione femminile Casa Circondariale Mario Gromo Bologna

Musiche

Per viola e voce Danusha Waskiewicz

Per viola e pianoforte di Paolo Marzocchi eseguite da Danusha Waskiewicz e Andrea Rebaudengo

Per sax baritono Andrea Poltronieri

Riprese

Eugenio Melloni Riccardo Baolato, con un contributo di Roberto Mezzabotta

Scenografia esterni al carcere Eugenio Melloni con la collaborazione di Lenina Barducci e Gianni Pirani

Trucco e costumi di Donatella Allegro, Lenina Barducci

 

Montaggio Eugenio Melloni

PostProduzione e mixaggio, a cura di R2 Production

Con Donatella Allegro, Sonia B. , Ilenia O. , Stefania G , Irene Guadagnini, Camila.R.A., Giovanna O. Daniela D.. Giada Pieroni,, Riccardo Badolato, Karen J.M., Silvia G. Perla G., Stefania Ferri, Joselin P.A.,Tanja S., Suleka G.P., Rebecca S., Jelena N., Romina Carla Pucci, Alessandra Bettini, Gianni Pirani e con la collaborazione di Concetta Pecchia e Paola Morittu e di agenti della Sezione Femminile e del Comando di Polizia Penitenziaria alle quali va un sentito ringraziamento.

Autorizzazione alle riprese presso il carcere di Bologna da parte del DAP – Ministero della Giustizia con nota Nr.0269727

Hanno partecipato ai lavori del laboratorio cinema con un impegno fattivo (in ordine alfabetico)

Sonia B., Catia C., Rosa C., Teresa C., Daniela D., Perla G., Stefania G., Ilenia O., Jolanda L., Donatella M., Patrizia P. Karen J.M.

Si ringraziano, un lungo elenco, Valeria Ribani, Maria Raffaella Ferri progetto non solo Mimosa del Comune di Bologna, Tiziana Gentile e Patrizia Stefani Associazione Meg, la direzione della Casa Circondariale di Bologna, Claudia Clementi, Il dirigente dei Servizi Educativi, Massimo Ziccone, Il Comune di Bologna, I Garanti per i diritti delle Persone private della libertà personale del Comune di Bologna, Antonio Ianniello, Elisabetta Laganà, Il Garante della Regione Emilia Romagna, Il Conservatorio di Ferrara Girolamo Frescobaldi Francesco Colaiacovo, Paolo Biagini, Patrick Alteri, Il Cinema S.Spirito di Ferrara Enrichetta Maregatti Elvio Bonifazzi, CuBO Unipol Elisabetta Calzolari e lo staff.

Altre collaborazioni e altri ringraziamenti, Piero Barducci, Daniele Cavicchi, Dario Cicchero, Cristina Pareschi, Luca Morelli, Matilde e Marta Pizzati, Alba Piolanti, Gabriel Pucci Fernandes, Alessia Pucci Fernandes, Dania Roncarati, Roberta Tadaieski T. de Almeida, Sottotitoli, Noella Bardolesi, Arianna Arcangeli

Doppiaggi a cura di Giulia De Candia

La produzione si scusa per eventuali involontarie assenze di citazione.

Opere Citate: non va dimenticato che il film è stato un percorso rieducativo e culturale che ha spinto quanti partecipavano a confrontarsi con diverse opere, tra le quali,  sul Poema di Leight Hunt “La storia di Rimini” di John Keats, La Metamorfosi di F.Kafka, Per i tuoi occhi di Loredana Bertè.

Titoli Brani Musicali Danusha Waskiewicz, Punti esclamativi, Martina, Senza futuro, Daimon”.  Titoli brani musicali Andrea Poltronieri Sulla strada, Tears of Joy. Invito all’ascolto: CD Songs for Viola and Piano Danusha Waskiewicz e Andrea Rebaudengo ediz. Decca., Invito all’ascolto CD  Ubriaco di vita di Andrea Poltronieri e Davide Romani, ediz. Poltrosax. Co.ba new metal vision è un’associazione in fieri. Un grazie per l’amichevole collaborazione a Valentina Piccinini e Christian Vincenzi.

La realizzazione del Film è stata resa possibile grazie a contributi individuali ed artistici, oltre che tecnici, avvenuti a titolo gratuito.

(c)2018- Tutti i diritti riservati.